L'ulivo e la goccia d'olio

Mi sono messa a scorrere tra tante immagini che ho appuntato nel tempo, cercandone una che m'ispirasse per provare dei pennelli e dei colori appena acquistati. Ne ho presi per scopi diversi ma trovandomeli davanti ho notato che anche messi insieme stanno in armonia; si vede che qualche filo lega le varie idee che mi girano per la testa.


Volevo anche continuare con l'inserire delle mie frasi in alcuni dipinti (clic QUI se sei curioso) ma all'inizio di questa piccola serie mi sono fermata: ho sempre amato l'idea di "lasciare le mie immagini libere d'essere interpretate" e quel connubio porta altrove. Preferisco proseguire con delle "post produzioni" digitali e lasciare che le immagini possano avere anche una vita propria, libere di legarsi ai pensieri di chi le vorrà.

"Tra le olive I" / Tecnica mista / 6,5x6,5 cm

Essendo il primo un risultato poco convincente mi sono permessa di pasticciarlo, ripetendo il testo, tanto per provare anche una china dorata (uccisa dallo scanner). Resterà un ricordo nel mio archivio personale, un semi-pasticcio non in vendita.

Col passare dei giorni ho anche capito che della frase mi piace il concetto ma non la forma: sembra avere il tono di una legge, non di un'idea, quindi ho voluto rielaborarla; giocando anche con l'immagine, visto che non erano nemmeno significativamente legate: una è nata mentre elaboravo l'altra ma non in conseguenza dell'altra. Trovo che ora, trasformata in "poesia", suoni (e forse si spieghi) molto meglio.

"Tra le olive II" / Tecnica mista / 6,5x6,5 cm
L'ulivo e la goccia d'olio
Ha le rughe di un vecchio saggio
ma l'abbraccio come un nonno.
I rami appaiono in disordine
ma guardando nel folto
riconosco ogni foglia
ed ogni frutto. 
Se la complessità m'ipnotizza
rende sfuggente l'essenza
ma a berne una goccia
assaporo la sostanza
e mi salvo.
"Tra le olive III" / Tecnica mista / 13x13 cm

Manca solo una cosa a questo racconto del mio creare: la presentazione di chi mi ha fatto da spunto! Amando il mondo floreale seguo sui social anche dei 
vivai ed è una foto di uno di essi che, stavolta, mi ha aiutata: trovate lo scatto cliccando QUI o QUI, pagina Facebbok e profilo Instagram del Vivaio La Rivierasca.

Sovente, quando assegno degli #hashtag alle mie immagini guardo a quali altre sono stati associati ed è così che ho visto per la prima volta una fotografia proveniente da quel vivaio; ho "messo mi piace", loro l'hanno notato, si sono incuriositi ed hanno iniziato a seguire il mio profilo, mandandomi anche dei complimenti in privato. Che gentili! Ho ricambiato la visita e deciso di seguirli a mia volta e col passare del tempo ci siamo scambiati vari altri apprezzamenti, "cliccando cuoricini". Gesti superficiali, come sono spesso considerati i rapidi contatti sui social? Beh, dopo che sono nate queste piccole opere non si può proprio dire, non vi pare?


Sono la prima a dire che sul web (e altrove) dilagano futilità, isterismi, bufale, fretta ed altre infelici cose ma dico anche che "il male" non è il web, non sono i social, è come li si usa. La rapidità ci regala la quantità, il nostro modo di reagire (soffermarci, scorrere, approfondire, bloccare, rispondere, ignorare, appuntare...) ci regala la qualità, secondo i propri gusti e le proprie esigenze, serie o leggere che siano. Chiacchiere, visioni piacevoli, letture curiose, ascolti interessanti e qualche volta degli spunti preziosi.

Arrivederci al prossimo post tra realtà e fantasia!

Anna

Stato delle opere:
"Tra le olive I": archivio personale.
"Tra le olive III": disponibile.
"Tra le olive III": disponibile.
Per maggiori info contattami o visita gli shop, sarò lieta di darti info, senza impegno.

Commenti

  1. Bello e vero questo post, dove la fantasia unita alla creatività ci dà lo spunto per un'opera che ci parla e ancora più profondamente parla agli altri.
    Siamo sommersi da immagini di ogni genere , quasi non ci soffermiamo a guardarle o se lo facciamo , afferiamo la loro superficialità senza andare nel profondo.
    Basta leggere la meravigliosa poesia dedicata all'olivo e capire quanta ispirazione si può trarre da una immagine.
    Grazie mia cara, un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella!
      Sì, siamo sommersi, che stordimento! Non è facile mettere a fuoco qualcosa, la tentazione è di volerne sempre di più ma se non impariamo anche a soffermarci tutta questa abbondanza non serve a niente... grazie a te mia cara per esserti soffermata qui, a leggere, ad osservare e a condividere il tuo pensiero.
      Bacio!

      Elimina
  2. Cara Anna, hai saputo coniugare natura, poesia e pittura in una sinfonia di tinte, parole e creatività. Brava e complimenti per questo post così armonioso. Buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinforosa, che dirti, se mi dici che hai trovato nella composizione di questo post una sinfoniosa armonia non posso che ringraziarti con un abbraccio pieno di felicità!

      Elimina
  3. Strepitoso come sempre, anche questo ultimo post, fatto di grazia, inventiva e rara autenticità! Le tue creazioni hanno il dono di una grande freschezza!!
    Grazie, Anna, e un abbraccio grande!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Annamaria che commento mozzafiato anche questo tuo! Grazie di cuore, che emozione!

      Elimina
  4. Adoro la pianta d'olivo, molto presente nella zona dove vivo (ne abbiamo 5 o 6 anche noi e vogliamo curarle meglio e fare, il prossimo anno anche un po' d'olio). Trovo disegno e frase ben accoppiati, e ovviamente condivido il pensiero sul web e i sorcial :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello Alli, gli olivi in giardino! Eh sì, è vero, la vostra è zona di olio. Se riuscirete a farne un po' sarebbe super! Qui c'è solo qualche pianta a scopo ornamentale, a parte qualche piccolo caso eccezionale.
      Sono piante molto, molto belle, io ne ho una piccina, o meglio l'ha mio papà: un povero ulivino che una vicina della mamma del mio compagno aveva passato a lei e lei ha passato a noi: in origine era perte di una comitiva di piccole piantine regalate come bomboniere ad un matrimonio! Idea carina esteticamente e simbolicamente ma, dai, in realtà un'idea pessima! Immagino che se ne siano salvati pochi e spero che questa moda (poco tempo dopo, ad un altro matrimonio, stessa trafila ma l'abbiamo passato ad un collega di lavoro) sia presto finita!

      Elimina
  5. Molto armonica e bella la tua creazione.
    Sereno giorno.

    RispondiElimina
  6. Che meraviglia! Sia l'ulivo così come sei riuscita a riprodurlo, sia la poesia. Io adesso ho la fissa di imparare a disegnare le piante, cioè voglio passare dalla solita margheritina stile mi sto annoiando a scuola (la disegno benissimo dopo trentennale esperienza) a disegni un po' più botanici, di piante vere: quelle che abbiamo nell'orto ^_^
    Mi unisco al discorso ingrandire l'orto/imparare nuove tecniche/aggiungere passatempi ahahah.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una bella idea Elle, basta con le margherite da noia scolastica, tanti nuovi fiori e foglie ti attendono! Di ispirazioni intorno ne hai... non ti distrarre troppo dalla coltivazione però eh! ;-)
      Chissà che io un giorno mi metta a rubare un angolo di orto al babbo... siamo donne dalle mille volglie, anche intercambiabili ha ha ha... ma io temo di avere troppa poca costanza per dedicarmi alla coltivazione.

      Grazie per l'apprezzamento pittorico e poetico! :-*

      Elimina

Posta un commento

Vuoi commentare e non hai un account?
Puoi scegliere Anonimo (e magari firmare il messaggio) o, se vuoi linkare un tuo sito o social o altro puoi scegliere Nome/URL e inserirne l'indirizzo!

Visita lo SHOP o CONTATTAMI per ACQUISTARE, COMMISSIONARE ed INFO (senza impegno).