lunedì 17 maggio 2010

Irresistibile

Difficilmente ho una sintonia immediata col linguaggio poetico, anche se spesso m'incuriosisce. Qualche tempo fa ho però avuto un vero colpo di fulmine: leggendo una poesia ho provato qualcosa di intenso e forme e colori hanno voluto irresistibilmente comunicare con quelle parole!


Quando m'innamoro non riesco a non andare incontro a chi mi attrae, emozionata ma col mio modo d'essere, senza tattiche, perché non spero nella conquista ma in un'intramontabile condivisione.
In questo caso il colpo di fulmine artistico è stato ricambiato e scoprirlo è stata una grande emozione...
Se volete leggere la poesia a cui si è dichiarata l'immagine di questo post cliccate QUI per il post originale e QUI per il post dell'autrice, Viviana Scarinci, che segue questo mio.

Voi come vi innamorate? Colpo di fulmine o lenta conoscenza? Siete cenerentole (o cenerentoli!) che vanno al ballo nonostante tutto o, come una bella addormentata, confidate che a far arrivare l'amore penserà il destino?

19 commenti:

  1. Mediamente colpo di fulmine.
    Complimenti, hai saputo dare vita nuova ai versi.

    RispondiElimina
  2. La tua immagine coglie bene l'essenza della poesia, brava Anna!
    ciao da cristina

    RispondiElimina
  3. Alfa: benebene, un altro che si lascia affascinare dai temporali... ;)
    Felice dell'apprezzamento sul mio modo di vivere i versi di Viviana!

    Cristina: la tua opinione positiva mi rende ancora più felice! :D

    RispondiElimina
  4. Ciao!

    Bella immagine! A me evoca un tipo di legame viscerale materno/paterno che consola, e lenisce il dolore della solitudine.

    Io credo nel "Destino dell'Innamoramento": ci sono tempi e incontri che esistono da sempre, e aspettano solo di essere vissuti. Non importa se colpo di fulmine o cottura a fuoco lento.

    Personalmente però, nelle mie esperienze: esplosioni termonucleari! Poche ma buone.

    Un saluto!

    ^____^

    RispondiElimina
  5. Milo: la tua sensazione sull'immagine è molto vicina a quello che mi veniva in mente dipingendo :)
    Mi trovo anche in sintonia sul "destino dell'innamoramento" ma mi chiedo se tutti abbiano la fortuna d'incontrare chi gli è destinato... anche se è un po' un controsenso, perchè definendolo "destino" dovrebbe accadere sicuramente!

    RispondiElimina
  6. Cara Anna...

    Hai ragione, mi son fatto prendere dall'ottimismo cosmico che ogni tanto mi acchiappa...

    No, non tutti hanno questa fortuna, è vero, e quindi quanto meno non è certo un destino "democratico"... (Penso per esempio a Giacomo Leopardi...)

    Diciamo che sarebbe bello fosse così per tutti, ma non è...

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  7. Visto che anche io tendo all'ottimismo aggiungo: sapere che da qualche parte esiste l'amore a noi destinato lascia almeno aperta la speranza d'incontrarlo. Guardarsi intorno sperando che "quella lì" possa essere la persona giusta è una bellissima emozione... e se finalmente ci si incontra è altrettanto bello vivere senza quella emozione! Almeno questa è la mia esperienza da inguaribile ottimista... ^____^

    RispondiElimina
  8. Il destino gioca le sue carte, ma noi dobbiamo farci trovare pronti.
    E poi, per far durare un amore, la buona volontà conta molto.

    RispondiElimina
  9. Errante: già, anche noi dobbiamo fare la nostra parte... dobbiamo meritarcelo 'sto destino, no? Poi, se si ha la fortuna di incontrare e riconoscere la nostra metà, per far durare la storia la buona volontà viene talmente spontanea che nemmeno sembra di mettercela! Non si può fare a meno di stare bene insieme... troppo ottimista? O molto fortunata!

    RispondiElimina
  10. Un bellissimo connubio, cara Anna: ho letto la poesia e il post che l'autrice ti ha dedicato: sicuramente vi troverete un giorno, nella realtà e con infinita emozione.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Grazie Paola, sicuramente sarà così! ^____^
    Un caro abbraccio!

    RispondiElimina
  12. Grazie Giorgio, i tuoi apprezzamenti sono tra quelli che mi fanno più piacere!

    RispondiElimina
  13. mi piace come si spande quel nero, ha un che di "giapponese"... boh i miei soliti voli pindarici!

    RispondiElimina
  14. Non è la prima volta che mi dai delle interpretazioni a cui non avevo proprio pensato... come una volta in cui hai visto un "organo genitale femminile"!!!

    RispondiElimina
  15. In your honour and in honour of wall the Illustrators and Painters, I published
    an illustration.

    RispondiElimina
  16. Mi piace la semplicità dei tratti per dare suggestione visiva alle parole - molto intriganti- riuscendo a cogliere con poco così tanto, a creare spinte per andare oltre. Sei molto brava, ed è sempre affascinante pensare al nascere di un ispirazione così immediata e prepotente. Miaooooooo

    RispondiElimina
  17. Felinità: grazie cara, è bello condividere le mie ispirazioni ed ogni volta che qualcuno ne resta affascinato è come vincere al superenalotto! Se poi sono persone miagolose (quindi molto intelligenti)... wooow!

    RispondiElimina

Grazie della visita a tutti i curiosi! I commenti sul blog sono aperti a chiunque: scegliete un profilo e chiacchieriamo, se vi va!