giovedì 5 maggio 2016

FILI DI PASSATO, FILI DI FUTURO

I fili sono recentemente comparsi nelle mie creazioni per caso ed i giorni scorsi hanno fatto nuovamente capolino...

Notando il la mia predilezione per i soggetti floreali, mamma mi ha regalato una piccola collezione di vecchi numeri di una storica rivista di "lavori femminili", molti dei quali s'ispirano alla natura e che mi hanno a loro volta ispirata. Fili, fili, fili... ed a furia di "sfogliar fili" non potevo che ripensare anche a quando, per lavoro, disegnavo ricami. Notate bene che ho detto "disegnavo", non "realizzavo", non sopravvalutatemi! Ma forse non sono nemmeno così poco portata: ho appena imparato a maneggiar fili per fare cordoncini e già mi son messa ad improvvisare varianti per creare occhielli.

TITOLO: rose che ricamano
TECNICA: pirografia su legno
DIMENSIONI: 3,5x16cm circa. Spessore entro 3mm.
FINITURA: cera
NOTE: non conservare alla luce diretta del sole,
fattore che accentuerebbe la tendenza della pirografia a sbiadire.

Felice d'aver trovato un bel modo di utilizzare i fili ereditati da nonna Mariuccia sono andata dall'omonima zia per mostrarle le ultime creazioni e legare i miei fili a quelli dei suoi ricordi: da giovane era brava ad usarli e non ho ben capito se sia stata più orgogliosa o "invidiosa", pensando alle abilità perse col tempo... a novant'anni suonati s'accontenta di fare eccezionali rammendi!

TECNICA: pirografia su legno
DIMENSIONI: 55x70x10mm circa

Non vi pare che la mia vita, in questi giorni, sia proprio appesa (si fa per dire, via con gli scongiuri!) ad un filo? O magari diciamo ad un bel cordone resistente, allegro e raffinato, fatto di tanti, tanti, tanti fili intrecciati: quelli dei ricordi ma anche quelli che costruiscono tante cose oggi e continueranno nel futuro... che vagare con la mente è bello ma far cose pratiche è entusiasmante!

Arrivederci al prossimo post tra realtà e fantasia!

Anna

9 commenti:

  1. Ma che originale questo legnetto Anna mia e queste variazioni di colore ecru che sanno tanto di cose antiche che io adoro e andavo a scovare nei solai dei contadini quando ero nel Teccio in montagna..Bellissimo.
    E questa tua metafora degli intrecci, si , intrecci fantastici, reali, chissà..quale sarà meglio..
    Io sono un'apprendista della pratica e non mi sono ancora misurata con l'entusiasmo, se non musicale o visivo!
    Bacio specialissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nella, è vero, i toni della pirografia sanno di altri tempi!
      In teoria potrebbero sembrare monotoni (è legno che brucia, chiaro o scuro ma più che marrone non può essere) invece creano belle atmosfere. Anche se come sempre è questione di gusti, a qualcuno di sicuro non piaceranno...
      E tu... scrivi tanti articoli e post riguardo alle cose che ti entusiasmano, altro che apprendista, sei una vera esperta della pratica!

      Elimina
    2. Ma grazie mia cara Anna, troppo gentile e carina sempre con me...
      Per me questo lavoro è delizioso, anche perchè veramente sembra uscito da una antica scatola di ricordi!
      Ti stringo forte amica mia!

      Elimina
  2. Ottima creazione e sono d'accordo con Nella.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora ti rispondo come a Nella! :-D
      Ciao Cavaliere e grazie!

      Elimina
  3. Che meraviglia Anna! Questa è proprio arte ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valentina, grazieeeee! È una tecnica che sento particolarmente "mia" e vedo che piace anche a voi che l'osservate, probabilmente anche perchè non è delle più utilizzate, quindi è antica e sa di antico ma vedendola poco sa anche di nuovo...
      Speriamo che col tempo continui ad entusiasmare, me e voi!

      Elimina
  4. In genere mi piacciono moltissimo i lavori pirografati, forse per quel senso di calore che dà il colore (scusa il bisticcio di parole) nei suoi vari toni, che sempre marrone è ma sempre diverso nei suoi chiari e scuri. Ohibò ... devo aver pasticciato un po' il mio pensiero, ma spero che tu abbia recepito la mia ammirazione per questi tuoi legnetti.
    Ciao mia cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessun pasticcio cara Krilú, anzi trovo che "il calore del colore" abbia un bel suono.
      Mi fa piacere che questa tecnica ti affascini e grazie per l'apprezzamento alle mie creazioni, a presto!

      Elimina

Grazie della visita a tutti i curiosi!
Vi va di commentare ma non avete un account tra quelli proposti? Scegliete "Anonimo" e ricordate di firmarvi!
Se avete uno spazio web scegliete "Nome/URL" e inseritene l'indirizzo, così verrò a curiosare.
Scegliete un profilo e chiacchieriamo, se vi va!