venerdì 19 febbraio 2016

PIROGRAFIA - FANTASIA FLOREALE CON DEDICA

Una notte mi sono trovata a pensare che gli "spiriti" più particolari faranno parte del mondo eternamente, come se anche dopo la morte di certe persone eccezionali rimanga nell'aria una loro essenza e che essa possa ispirare la vita di chi la respirerà. Ho pensato questo la notte in cui il cuore di una persona per me preziosa smetteva di battere, mentre attendevo notizie toccando i suoi quadri scolpiti nel legno.

Ricordo poco del creare di mio nonno, mi è rimasta soprattutto una sensazione, legata ad un odore: sentendo profumo di legno mi pare d'essere nel suo laboratorio. Ma mentre io crescevo lui invecchiava ed anche se il mio seguire strade artistiche ci ha legati non ho avuto l'occasione di imparare qualcosa da lui, per di più la scultura mi ha sempre attratta meno della pittura.

Solo negli ultimi anni ho iniziato ad avvertire la sensazione di un'occasione persa, soprattutto dopo essere capitata, qualche anno fa, sul blog che gestiva Massimo Assummami ci sono subito affezionata e seguendolo ho letto per la prima volta di pirografia (anche se lui vi si è dedicato in modo marginale) e una scintilla si è accesa.


Era una scintilla intensa ma piccola, come la rapida puntura di uno spillo. Ci badavo appena ma quella nuova parolina ogni tanto punzecchiava e a furia di sobbalzare mi sono svegliata: quando mi sono accorta che quella tecnica teneva per mano il mio disegnare e l'intagliare di nonno Achille è stata come una sensazionale rivelazione e quella è diventata senza alcun dubbio la prossima strada artistica da prendere!


TITOLO: "FANTASIA FLOREALE CON DEDICA"
TECNICA: pirografia su legno
DIMENSIONI: 21,5x36,5cm

L'immagine che mostro in questo post è la mia prima "bruciante" creazione, un'immagine che a guardarla da vicino è piena di imprecisioni ma anche di entusiasmo e poi... se vi dico che, pirografando, l'atmosfera si riempie di profumo di legno non c'è bisogno che aggiunga altro, vero? A chi va la dedica l'avrete di certo indovinato.

Arrivederci tra i prossimi post tra realtà e fantasia!

Anna

15 commenti:

  1. Ciao Anna conosco la pirografia ! E' meravigliosa la tua opera, le imperfezioni di cui parli,non si vedono in foto appunto,ma credo che la rendano ancora piu' personale! Mi hai commosso, ho vissuto anch'io le stesse sensazioni e col passare del tempo invece di attenuarsi diventano piu' vivide..forse come dici tu rimane qualcosa! Ti abbraccio buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rita, ecco svelate le novità, finalmente! Non è la prima volta che faccio un cambio di rotta ma stavolta, come hai capito, è molto più che una nuova tecnica o un nuovo stile...
      Mi emoziona sapere che condividi sensazioni simili!
      Baci e abbracci :-)

      Elimina
    2. Ciao Anna ho fatto un saltino anche qui per vedere ulteriori sviluppi! Baci artistici!

      Elimina
  2. Profumo di legno e di arte in questa tua creazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Profumi che creano atmosfere speciali... Un caro saluto, Costantino!

      Elimina
  3. Molto bella questa tua creazione.
    Serena domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del passaggio e dell'apprezzamento, Cavaliere!

      Elimina
  4. Io lo trovo un lavoro magnifico oltreche difficilissimo..davvero pare sentire l'odore del legno..
    Sublime..Bravissima..
    Bacio serale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella, grazie! Sono felice che anche questa nuova strada stia piacendo!
      Non saprei dire se è una tecnica così particolare da risultare difficile a molti o se basta un pizzico di pazienza... di certo bisogna prendere confidenza con punte, legni e temperature!
      Un abbraccio e buona settimana.

      Elimina
  5. Molto bella la tua creazione...e sei anche molto brava a scrivere !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Jane, stavolta l'ispirazione era ancor più speciale del solito!
      Adoro accompagnare le mie immagini a qualche parola, scrivere mi è sempre piaciuto e l'idea di avere un blog mi ha subito attirata, diversi anni fa... Felice che l'insieme ti piaccia!

      Elimina
  6. Ciao Anna, una tecnica che ricordo di aver usato qualche "giorno" fa, quand'ero studente. Il pirografo, apparentemente semplice da usare ma che non ti permette margini d'errore. Oltre alla favolosa soddisfazione di veder nascere l'opera (per chi, come te, ne padroneggia l'utilizzo)ricordo l'intenso profumo del legno "marchiato" dalla sapiente mano dell'artista, una festa per l'olfatto.
    Complimenti per il tuo lavoro e per la bellissima dedica, scritta con grande passione ed emozionante nella sua essenza.
    Un caro saluto, buona domenica.
    Romualdo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Romualdo, mi fa piacere scoprire che anche qualche scuola nostrana ha fatto sperimentare questa tecnica artistica, fino ad ora mi aveva parlato di esperienza scolastica in merito solo una signora della Romania!
      Grazie di essere venuto a curiosare, del tuo apprezzamento e di esserti lasciato coinvolgere.
      Un abbraccio, buon pomeriggio!

      Elimina
  7. Cara Anna, il pirografo che intaglia il legno e fa trasudare la materia grezza di ricordi creando un ponte tra passato e presente, tra memorie per non perderle e l'aroma del legno n nell'aria è preludio del futuro. Lasciati sempre sperimentatare e travolgere dalla magia della creatività!ti abbraccio forte!Carola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carola, che dire... grazie della visita curiosa e del prezioso pensiero che hai lasciato! Un bacione!

      Elimina

Grazie della visita a tutti i curiosi! I commenti sul blog sono aperti a chiunque.
Se non avete un account tra quelli proposti scegliete "Anonimo" e ricordate di firmarvi nel commento!
Se avete uno spazio web scegliete "Nome/URL" e inserite l'indirizzo, così verrò a curiosare.
Scegliete un profilo e chiacchieriamo, se vi va!