sabato 10 ottobre 2015

LUCI CHE SBOCCIANO

Nella storia di questo legnetto si prendono per mano, ancor più del solito, molte ispirazioni e molte scoperte. Voglio raccontarvele nell'ordine in cui mi si sono rivelate, spero le troverete interessanti!

Stavolta, l'amica da cui ultimamente ho spesso tratto ispirazione ha tenuto le mani di un suo amico e la mia, facendoci avvivinare: la mia fantasia è così entrata virtualmente (tramite le fotografie) del giardino di lui, trovando ispirazione per questo piccolo dipinto (se volete vedere la fotografia originale cliccate QUI).
TITOLO: "LUCI CHE SBOCCIANO"
TECNICA: acrilico su legno
DIMENSIONI: 8x8cm circa

Le mie pennellate hanno unito natura e fantasia in un fiore "inedito" e solo una volta finito di dipingere ho voluto chiedere quale fiore fosse quello fotografato; saputo che si tratta di un anemone giapponese ho ovviamente iniziato a curiosare, scoprendo che gli anemoni (anche se non precisamente quelli "giapponesi") tengono per mano antichi miti...

Si narra che Anemone fosse una ninfa, tramutata da Chloris (la dea dei fiori) in un delicatissimo fiore che si sciupa se esposto al vento, o meglio ai venti: Borea e Zefiro, che amando la ninfa Anemone avevano provocato l'invidia di Chloris.
L'etimologia greca di "anemone" indica infatti il vento.

Si narra anche che l'anemone sia il "fiore d'Adone": Adone, bellissimo figlio di Mirra e del di lei padre, fu conteso tra Afrodite e Persefone, ucciso da un geloso Ares ed infine riportato in vita sotto forma di fiore (l'anemone appunto) dalla piangente Afrodite.
Un'altra versione vede Afrodite scendere negli inferi, ritrovare Adone e riportarlo in vita, variante che prende per mano il culto egizio di Osiride.

Appena letto il riferimento ad Osiride mi sono stupita: ecco che anche gli ultimi due elementi della storia di questo dipinto si sono presi per mano: le leggende e la musica!
Cliccate QUI per ascoltare "Isis and Osiris", brano tratto da "Into The Electric Castle" degli Ayreon (uno dei progetti musicali di Arjen Anthony Lucassen), album che ha accompagnato il mio dipingere!

Ora vi saluto, mentre contemplo i dettagli che inaspettatamente si sono così armoniosamente legati e vi do l'arrivederci al prossimo post tra realtà e fantasia!
Anna

Fonti bibliografiche: se curiosate per internet troverete varie versioni delle leggende riportate, quelle a cui mi sono riferita in questo post sono quelle suggerite da Alfredo Cattabiani nel suo "Florario".

12 commenti:

  1. Ciao Anna, e se fosse la rappresentazione della Street Art? Un mix fatto di murales e graffiti, come se i fiori invece di crescere davanti al muro fossero "creati" sulla superfice di mattoni.
    Una visione, probabilmente, fuori da ogni possibilità, ma...
    Interessanti le leggende e i miti che accompagnano il tuo lavoro. Grazie per aver nominato Cattabiani e il suo favoloso "Florario", un libro che amo da sempre (o almeno da quando è stato pubblicato).
    Buona domenica, presto.
    Romualdo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Romualdo, ero giusto sul tuo blog a leggere un po' di post arretrati! ;-)
      In effetti che questo dipinto faccia pensare alla Street Art non dovrebbe stupire visto che il muro è protagonista quanto i fiori... ma a me non era proprio venuto in mente!
      Sarebbe bellissimo far fiorire tutti i muri, dove non si può con la natura almeno con la pittura! La flora, un soggetto che anche i non amanti dei "murales" dovrebbero apprezzare...
      Il Florario me l'hanno suggerito (la mia amica del giardino dei progetti e chi se no?) lo scorso anno e me lo sono regalato per Natale, davvero favoloso! Ogni tanto ne scopro un pezzetto.

      Elimina
  2. Ottimo lavoro!
    Ti auguro un sereno week end.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cavaliere, grazie e buon fine settimana!

      Elimina
  3. Ciao Anna!
    L'iter di ogni tuo dipinto è sempre pieno di avvenimenti,bellissimo leggerti,sveli i segreti della tua pittura!Per questo piccolo fiore un insieme di dettagli tra realta' e miti che si incastrano come puzzle!
    Un abbraccio,a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rita, sono felice che ti piacciano le mie chiacchiere, mi diverte e mi stimola far caso ai retroscena del mio dipingere e mi sembra che raccontarli completi l'opera!
      A presto, buon week end!

      Elimina
  4. Ciao Anna, complimenti per questo piccolo bellissimo Anemone, che grazie anche alla tua presentazione mi ha coinvolto con la fantasia. Mi hanno sempre intrigato molto le leggende dei miti greci, pensa che avevo un libro, che non so perchè non riesco più a trovare (sai uno di quei misteri inspiegabili) si chiamava "Dei e Miti", e raccontava tutte le leggende legate a quei personaggi fantasiosi della civiltà della Grecia antica. Ho avuto modo di incontrare ancora parte di queste leggende nell'ambito dell'astronomia (altra mia grande passione) dove, come saprai, molte stelle e costellazione hanno nomi della mitologia greca (e araba) e le cui storie, hanno aiutato e coinvolto un giovane ragazzo quale io ero allora, ad innamorarsi di quel mondo.
    PS : grazie per l'avviso a proposito delle difficoltà che incontri sul mio blog. Ho provato a lasciare io un commento e non ho avuto problemi. Fammi sapere se il problema continua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tito, peccato per il libro misteriosamente svanito, spero ricomparirà a sorpresa! Volendo ripassare l'argomento ci sono sicuramente tanti altri libri simili ma sfogliare quelli che abbiamo già letto con entusiasmo fa ancora più piacere.
      Io conosco poco l'astronomia ma in effetti i riferimenti alla mitologia sono evidenti anche a chi non ne ha approfondito la conoscenza. Due argomenti affascinanti!

      Elimina
  5. Interessante questa tua spiegazione sul tutto...
    Io mi soffermo spesso sui tuoi" legnetti" come li chiami tu..e mi ha dato subito un'idea di protezione e riparo vicino al muro che lo difende.
    Sempre magnifica amica mia..
    Un bacio nuvoloso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nella, è bellissimo che tu abbia pensato ad un senso di protezione! Un muro sotto cui ripararsi dai venti e rifiorire e rifiorire e rifiorire, anno dopo anno, anche se a volte l'attesa della stagione giusta può sembrare infinita!
      Baci colorati! ;-)

      Elimina
  6. "Fiore d'Adone": un nome bellissimo!! Così com'è bellissimo e pieno di vita il tuo dipinto: brava! Non solo per il dipinto, ma anche per le note mitologiche! Io adoro la mitologia greco-latina :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vele, grazie!
      La mitologia è un argomento interessante ed affascinante e spesso curiosare sui fiori mi rimanda ad essa, così imparo a conoscere due argomenti che mi attraggono (fiori e miti/leggende) in un colpo solo: evviva!

      Elimina

Grazie della visita a tutti i curiosi! I commenti sul blog sono aperti a chiunque.
Se non avete un account tra quelli proposti scegliete "Anonimo" e ricordate di firmarvi nel commento!
Se avete uno spazio web scegliete "Nome/URL" e inserite l'indirizzo, così verrò a curiosare.
Scegliete un profilo e chiacchieriamo, se vi va!