venerdì 17 marzo 2017

LE IDI DI MARZO E POI... IL DÌ DI MINERVA

Ci sono fiabe e favole, miti e leggende, fantasia e tradizioni... ogni racconto ha il suo stile e la sua atmosfera e sembrerebbe che alcuni siano più adatti agli adulti mentre altri ai bambini ma basta riflettere un attimo in più per accorgersi che non è così: chiunque può restare affascinato, incuriosito ed arricchito da ogni storia e magari non sarebbe una perdita di tempo rileggere le stesse in diverse fasi della vita, riscoprendole con occhi nuovi.

Nel legnetto dipinto che presento stavolta c'è questa idea, questo mix: è nata una bambina di nome Minerva e mi è stato chiesto di realizzare per lei un artistico regalo di benvenuto. Volevo cerare un'atmosfera "da cameretta" ma come non far girare le immagini intorno alla figura mitologica che quel nome evoca?

TITOLO: Buona Notte Minerva
ISPIRAZIONE: simbologie legate a Minerva
TECNICA: dipinto acrilico su legno
FINITURA: fissativo spray all'acqua
DIMENSIONI: 9,5x14,5cm circa

Hanno quindi preso forma alcuni dei simboli che spesso accompagnano quella dea romana: la civetta, la luna e la pianta d'ulivo (o di alloro, racconterò di questa titubanza in uno dei prossimi post) e forse c'è anche un po' di Medusa (la cui testa compariva sullo scudo o sul peplo di Minerva) nel serpeggiare delle radici dell'albero.

Per rendere il regalo particolarmente originale s'è pensato di regalarlo nei prossimi giorni, quelli in cui la dea veniva festeggiata: il Quinquatrus, il 19 marzo, cinque giorni dopo le idi di marzo era il giorno dedicato a Minerva e col tempo l'evento si estese per altri quattro giorni e Quinquatria è il nome di questo periodo di festa dal ricco programma (svago e molto altro ancora).

Per ora mi fermo ma leggere di Minerva ha stuzzicato anche altre idee... arrivederci al prossimo post tra realtà e fantasia!

Anna
 Continua la lettura...