giovedì 30 aprile 2015

MOMENTI (PREVISTI E IMPREVISTI) DI PRIMAVERA

Anche quando il tempo per passeggiare scarseggia, ci sono giorni in cui non puoi proprio rimandare, altrimenti gli alberi sfioriranno e per il terzo anno di fila perderai un'occasione...

 
Ci sono momenti in cui sei contento di avere per caso la macchina fotografica con te, perché se non cogli quell'attimo chissà se ti ricapiterà!
 

 
Ci sono luoghi in cui sai perfettamente che, quando ci vai, DEVI avere con te la macchina fotografica perché ogni giorno vi troverai qualcosa di speciale.
 

 
 
Non sempre lo scatto viene alla perfezione, soprattutto se si è semplici appassionati autodidatti poco portati allo studio. Per fortuna la natura fa buona parte della magia e con il suo aiuto io continuo a lasciarmi tentare ed insisto a provare ad immortalarne le bellezze.

 
 
Spero che la passeggiata virtuale vi sia piaciuta,
arrivederci al prossimo post tra realtà e fantasia!
 
Anna
 Continua la lettura...

mercoledì 8 aprile 2015

I FIORI DI MIO PADRE

(RIELABORAZIONE DI UN POST DEL 09/11/2009)

Diversi anni fa ho partecipato ad un concorso d'illustrazione, in cui dovevo ispirarmi ad uno dei racconti proposti dall'organizzatore. La sintonia è nata col racconto di una ragazza alle prese con delicatissime scelte riguardanti il padre che coltivava i narcisi: mi è venuto spontaneo unire il dolce tormento che ho letto alla serena quotidianità del mio presente.


TITOLO: "I FIORI DI MIO PADRE"
TECNICA: gessetti
DIMENSIONI: 28x40cm circa
NOTE: illustrazione ispirata ad un racconto di Moira Fraser

Ripropongo illustrazione ora perché, proprio in questi giorni, il giardino dei miei genirori ed i vasi nella mia casa sono pieni di splendidi narcisi coltivati da mio padre!

Il racconto a cui mi sono ispirata è My father's tree di Moira Fraser, vincitore nel 2008 del concorso "Il corto letterario e l'illustrazione" indetto da "Il Cavedio". Sul sito dell'organizzatore non è più presente il testo ma l'ho ritrovato a pagina 6 del PDF che potete scaricare cliccando QUI. Anche se non l'ho scritto io, spero sarete curiosi di leggerlo!


Ecco che il narciso, sovente simbolo di vanità ed egoismo, stavolta fa da cornice a storie di profondo affetto... è proprio vero che ogni cosa si può interpretare in svariati modi.

Arrivederci al prossimo post tra realtà e fantasia!

Anna
 Continua la lettura...