mercoledì 6 luglio 2011

LA PIÙ BELLA DEL REAME

Era una regina splendida e profumata, stava sul suo trono riverita ed ammirata. Fragile, avvolta in petali delicati, ma ben difesa dalle spine dei suoi soldati.
Ad ogni sguardo si mostrava perfetta, finché la vecchiaia venne di fretta:
perse le forze e dimagrì tanto che non riuscì più a portare il suo manto,
lo  lasciò cadere davanti a tutti, come il mare fa scivolare i suoi flutti...
Nella caduta fu molto elegante e le belle parole continuarono ad esser tante: non "era buona a nulla, valeva niente!" ma "ha saputo vivere meravigliosamente!".
Questo è il destino della regina dei fiori: appena sboccia è piena di vanto ma basta poco e finisce l'incanto.

Se proprio si deve cadere cerchiamo di farlo con classe. Anzi direi: con "calma dignità e classe"! Avete colto la citazione? No? Cliccate QUI!

La poesia non fila alla perfezione ma ho voluto divertirmi un po'. Sperando risulti comunque gradevole vi saluto, arrivederci al prossimo post tra realtà e fantasia!

Anna
 Continua la lettura...