lunedì 27 luglio 2009

Viviana Scarinci, storia di disubbidienze ante litteram.
Illustrazioni di Anna Bernasconi

Quello che segue è un estratto da un lavoro a quattro mani. L'idea è nata da un incontro fortuito e ha poi preso forma dallo scambio di linguaggi ed emozioni tra parola e immagine: Viviana scrive un brano e Anna ne trae un’illustrazione che per Viviana costituirà la basa emotiva per la stesura del brano successivo. Così abbiamo lavorato finora: nessun accordo preliminare, a dialogare solo il lavoro che ci reciproca. Siamo liete di dare un’anteprima di questo progetto in contemporanea al blog di Anna e alla "città siamese", blog gestito da Viviana vivianascarinci.wordpress.com
“Per il terzo disubbidiente c’è da fare un discorso a parte. Per il suo arrivo vale la legge di Murphy: se qualcosa può andar male, lo farà. Valida in tutti i suoi corollari, nessuno escluso.
Primo corollario: niente è facile come sembra. Se l’attesa tradita del primo figlio poteva riassumersi con la parola “olocausto” e quella non tradita della seconda con un sospiro di sollievo, l’attesa del terzo era filata così liscia da farmi pensare che finalmente avrei messo al mondo un figlio da manuale.”
(continua a leggere cliccando QUI)
 Continua la lettura...